Condividi l'articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Qualche sera fa Stralciando era a cena da uno dei nostri esecutati, uno di quelli che ha pensato per tempo al problema, prima del decreto ingiuntivo e del pignoramento ed ha cercato e trovato una soluzione, cioè noi.

In realtà eravamo a cena da loro per caso, eravamo da loro per cercare una soluzione ad altri problemi ma visto che erano le 20 e avevamo ancora 2 ore abbondanti di strada da fare ci hanno invitato a cena.

Insomma, loro sono già in 6 ed avere altre 3 persone in più era abbastanza impegnativo secondo me, per cui abbiamo cercato in ogni modo di declinare l’offerta ma loro sono stati irremovibili.

Dovevamo mangiare a casa loro.

Mi viene anche da pensare che, se ci invitano a cena, è perchè sono rimasti molto soddisfatti del nostro aiuto.
E questo mi rende ancora più orgogliosa del nostro lavoro!

Mi offro di aiutare la padrona di casa a preparare la tavola ed intanto mi racconta nel dettaglio la sua vita. Si stava creando un contesto magnifico ed io ero pronta a cogliere ogni minimo segno.

S1 e WOW, intanto, stavano chiacchierando con il marito nel giardino della loro villetta, guardavano il panorama mozzafiato.

4 ragazzi irrompono nella cucina con la gioia tipica di chi ha meno di 18 anni e nessun peso sulle spalle se non quello di preparare l’interrogazione del giorno successivo o di cercare di convincere la mamma che mangiare una barretta di cioccolato prima di cena è indispensabile e che fa assolutamente bene, per lo meno al suo umore!

Tra una forchettata di pasta e l’altra sorgono degli aspetti molto interessanti.

I signori hanno un bar che fa fatica ad andare avanti. Hanno deciso di chiuderlo ed adesso stanno smantellando tutta l’attrezzatura.

Hanno un’ipoteca volontaria sul loro immobile ed un’altro debito che hanno contratto in seguito su cui però la banca ha voluta la firma a garanzia dei genitori. Insomma, con una mossa astuta a suo tempo la banca l’ha messa nel sacco a tutti.

Il giorno precedente la nostra visita hanno ricevuto un decreto ingiuntivo, ma erano molto tranquilli, sanno che l’immobile non è per nulla appetibile sul mercato e che solo qualche folle persona può pensare di acquistarlo.

Il decreto ingiuntivo, però, l’hanno ricevuto per il prestito. Che tra l’altro è di una cifra veramente esigua rispetto all’ipoteca volontaria di primo grado legata all’immobile.

Hanno il pensiero che la banca possa comunque attaccare anche i genitori. Il loro immobile è però capiente, perchè questo istituto di credito dovrebbe procedere anche verso i garanti?

La cena nel frattempo si conclude, ringraziamo e facciamo presente che abbiamo parecchia strada da fare è che sarebbe proprio ora di andare.

Gli esecutati insistono nel regalarci 2 bottiglie di vino, diverse stoviglie del loro bar e riempiamo il bagagliaio di doni.

Il giorno successivo riceviamo da parte loro una telefonata

E: ciao WOW, come state, siete arrivati tranquilli a casa?

WoW: certo, grazie, e voi tutto bene?

E: insomma, non tanto, sai che mia mamma ha ricevuto una raccomandata…

WoW: che tipo di raccomandata?

E: la banca è riuscita a mettercela in quel posto, ha mandato il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo anche ai miei genitori!

Non è ancora detto. L’ultima parola non è ancora stata pronunciata. Vedremo se sarà la banca ad avere la meglio su queste persone o se sarà la loro intelligenza ad avere la meglio sulla banca. In ogni caso un’altra famiglia ha preso una grossa inc…a.

Se pensi che possa essere di aiuto ad altre persone fai girare questo link www.debitizero.com o scrivici in privato. Difendiamoci dalle banche!!!

S2

Devi essere connesso per inviare un commento.
Menu