Condividi l'articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Qualche giorno fa sono andato da due clienti che hanno qualche problema sull’immobile.
Pignoramento da parte di un ex socio, il condominio e un paio di rate con la banca

Ho trovato la soluzione e loro l’hanno accettata.

La cosa che mi ha lasciato perplesso è stata il loro pessimismo, sono convinti che non possono più ricominciare, oltre a trovare la soluzione ai problemi, ho trasmesso un bel po’ di sano ottimismo, in fin dei conti, una volta sistemato la loro posizione debitoria, possono tranquillamente ricominciare la loro vita lavorativa.

Il nostro lavoro non riguarda solo la soluzione del problema pignoramento o precetto, ma anche far capire ai clienti che la vita prosegue
Loro avevano un’attività che andava bene, poi hanno deciso di entrare in affari con il commercialista e da li sono iniziati i problemi.

Ma parlando ho capito che sono bravi a gestire l’attività. Hanno solo sbagliato socio

Quindi possono tranquillamente ricominciare.

Nella vita faremo tanti sbagli, l’importante è imparare e migliorare.

 

 

 

Dieci anni fa ho fatto un mutuo ad una coppia, marito e moglie, chiamiamoli Anna e Giacomo.

I clienti avevano una situazione del genere: lui piccolo imprenditore nel settore dell’edilizia, lei socia di capitali

Dichiarazione dei redditi ridicola, ma grazie alla garanzia del fratello di Anna sono riuscito a far passare un mutuo.

Grazie al mio mutuo hanno comprato una casa nel paese dove vivo.
Ho continuato a frequentarli negli anni a venire, e devo dire che ho visto i loro progressi, auto più belle, vestiti di marca, ecc.

Qualche anno fa ho presentato a Giacomo il progetto del network marketing che faccio.
Lui e sua moglie hanno accettato.

In quel momento Giacomo aveva un’auto da 68000 €, ma nel network non hanno concluso nulla.

Dopo qualche anno c’è stato il capovolgimento di fortuna.
Giacomo ha preso un grosso bidone a lavoro, la banca gli ha chiuso il fido di € 80000, ha dovuto restituire l’auto alla società di leasing, Anna si è innamorata del suo datore di lavoro e ha lasciato Giacomo, hanno smesso di pagare il mutuo ed il condominio.

Ho proposto a Giacomo una soluzione, ma lui, per odio verso Anna, non ha accettato.

Sinceramente ho sempre pensato che stavano bene economicamente, invece ho scoperto che avevano tanti debiti cattivi, e quando le cose sono peggiorate hanno perso tutto.

Di situazioni del genere durante la mia carriera da mediatore del credito ne ho viste tante, non ho mai aumentato le mie spese al pari o superiori alle mie entrate, in quanto mi hanno sempre insegnato a risparmiare.

Grazie alle letture ed alcuni corsi ho imparato la differenza tra capital gain e cash flow, e che molti vivono da ricchi, ma non sono ricchi.

Ho imparato anche che non voglio lavorare per il resto della mia vita.

 

 

 

Tutto quello che imparo lo trasmetto per primo ai miei cari e poi, nel mio piccolo, agli altri, ma, come dice Gesù “nessuno è profeta in patria”.
Infatti, quando dico che acquistare casa è sbagliato, di solito mi prendono per pazzo.

Mio cognato ne è un esempio chiaro.

Due anni fa mio cognato e la sua ex compagna hanno deciso di acquistare una casa.

Nonostante i miei “sconsigli” sono andati avanti, hanno chiesto a me di aiutarli col mutuo e le trattative

Per farla breve, vedono una casa in vendita a 155000 €

Salta la trattativa.

Intervengo io. Riesco a fargliela comprare dopo pochi mesi a 122000 € di cui 117000 € all’atto e 5000 € in comode rate in tre anni senza interessi.

Certo, sembra una bella trattativa.

Forse lo è.

Ma sta di fatto che mio cognato ha fatto, grazie a me, un mutuo di 30anni, a tasso variabile.
Dimenticavo, i miei suoceri sono garanti.

Lui è contento poiché, se tutto va bene, tra 30 anni sarà proprietario di casa.
Ma noi vediamo tutti i giorni che non sempre va tutto bene!

Questi esempi vi fanno capire perché abbiamo tantissimo lavoro da fare per risolvere problemi a clienti come sopra.

Ma, ribadisco, non viviamo di disgrazie, ma per offrire soluzioni.

S3

6 Commenti. Nuovo commento

  • Alessandro_66
    14/03/2012 11:09

    Certo che spesso capita che “Anna” si innamora del datore di lavoro di turno quando l’economia famigliare è al tracollo hai notato?
    Valutazioni quasi marginali a parte, post molto interessante S3.

  • ciao Alessandro, grazie per il complimento, è vero una delle cause principali di divorzio e separazione è la mancanza di denaro, alla prossima s3

  • Gente come Giacomo si merita la situazione in cui si trova. Il denaro come diceva qualcuno non è per tutti…è ” roba da ricchi”……

  • Hai perfettamente ragione, per avere denaro bisogna avere intelligenza finanziaria (roba da ricchi), s3

  • Be che dire signori ,non tutte le ciambelle riescono con il buco,ma se sta gente non impara a fare il passo conforme alla gamba ne vedremo tanta di gente con le gambe all’aria ,un saluto

    • Purtroppo Fabio le persone, anche io fino a poco tempo fa, sono ignoranti finanziariamente. Pensano che avere uno stipendio significhi potersi indebitare. Ma cosa succede quando manca lo stipendio? Il debito rimane!

Devi essere connesso per inviare un commento.
Menu